Eletta la nuova Rsu di Toscano Collezioni. Partecipazione straordinaria al voto: segno della compattezza di lavoratrici e lavoratori

Eletta la nuova Rsu di Toscano Collezioni. Partecipazione straordinaria al voto: segno della compattezza di lavoratrici e lavoratori

Data: 16/06/2024

Martedì scorso è stata eletta la nuova rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) e la rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls) dell’azienda grossetana Toscano Collezioni. Alle votazioni hanno preso parte il 93% dei 71 dipendenti dell’azienda aventi diritto: dei quali 62 donne e 9 uomini.

A votare sono state quindi 66 persone: 58 donne e 8 uomini, che hanno espresso 63 voti validi, con 3 schede annullate. Ad essere elette sono state Sara Mari, Laura Bellucci (Uiltec) e Stefania Lazzeretti (Filctem Cgil).

«In un contesto storico nel quale la partecipazione, a partire da quella politica, è merce sempre più rara - dichiarano i segretari di categoria Fabrizio Dazzi (Filctem) e Paolo Giovannetti (Uiltec) - pensiamo valga la pena sottolineare l'elevatissima partecipazione alle votazioni per l'elezione di Rsu e Rls aziendale. Un dato eclatante che mette in evidenza quanto lavoratrici e lavoratori valutino importante eleggere la propria rappresentanza sindacale, che ha il compito di interloquire in loro nome con il management aziendale».

«Questo rafforza l’autorevolezza del sindacato e facilita a sua volta le relazioni con l’azienda - rimarcano Dazzi e Giovannetti - A tutte e a tutti loro va il nostro ringraziamento per aver scelto rappresentanti espressi da Uiltec e Filctem, e per la grande partecipazione. Così come teniamo a ringraziare le precedenti Rsu, la Commissione che ha gestito la fase elettorale, e, in particolare, le tre componenti la Rsu che hanno accettato di candidarsi e di farsi carico dello svolgimento del loro ruolo».

Toscano Collezioni è un’azienda del settore tessile che ha iniziato la propria attività nel pieno della crisi conseguente alla pandemia di Covid, che oggi si trova a fronteggiare la crisi innescata dai conflitti internazionali in Ucraina e Palestina, che si sta ripercuotendo su tutto il settore tessile e moda. «Ciononostante – concludono Dazzi e Giovannetti - l'azienda si sta confermando una realtà strutturata, che continua la propria traiettoria di crescita e consolidamento, dimostrata dai 71 dipendenti a oggi impiegati. Tutelare i loro diritti di lavoratori, stabilizzare i loro contratti e vigilare in spirito di collaborazione sull'operato dell'azienda sarà un nostro assillo costante, con l'obiettivo di svolgere al meglio la nostra azione di rappresentanza dei loro interessi».

Questo sito utilizza cookie di navigazione per funzionare correttamente e per analizzare il traffico. Per la completa funzionalità del sito acconsenti alla condivisione dei dati di utilizzo con i fornitori di contenuti incorporati nel sito.

Accetto   Rifiuto   Informativa Privacy